NASpI: quali tipologie di recesso dal rapporto di lavoro danno diritto all’indennità di disoccupazione

29 Settembre, 2023   |  

La NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego) è una indennità mensile di disoccupazione che può essere richiesta dai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che hanno perso involontariamente il lavoro.

Requisiti
Vi possono accedere tutti i lavoratori dipendenti compresi gli apprendisti, i soci lavoratori di cooperative, il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato ed i dipendenti a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni. Viceversa, non possono richiedere l’indennità i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni, gli operai agricoli (sia a tempo determinato che a tempo indeterminato) ed i lavoratori extracomunitari con permesso di lavoro stagionale.
Inoltre, per poter avere accesso alla NASpI è necessario aver versato contributi contro la disoccupazione per almeno 13 settimane nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione.

Come fare richiesta
Per richiedere la NASpI, oltre a possedere i requisiti suindicati, l’ex lavoratore deve fare una domanda, esclusivamente in via telematica, all’INPS entro 68 giorni dalla:
– data di cessazione del rapporto di lavoro;
– cessazione del periodo di maternità indennizzato qualora la maternità sia insorta nel corso del rapporto di lavoro successivamente cessato;
– cessazione del periodo di malattia indennizzato o di infortunio sul lavoro/malattia professionale, qualora siano insorti nel corso del rapporto di lavoro successivamente cessato;
– definizione della vertenza sindacale o dalla data di notifica della sentenza giudiziaria;
– cessazione del periodo corrispondente all’indennità di mancato preavviso ragguagliato a giornate;
– dal trentottesimo giorno dopo la data di cessazione, in caso di licenziamento per giusta causa.

Quali tipologie di recesso danno diritto alla NASpI

Si tratta, principalmente, di tutti i licenziamenti comminati dal datore di lavoro nei confronti del lavoratore, a cominciare dal licenziamento disciplinare, sia esso per giustificato motivo soggettivo che per giusta causa. In quest’ultimo caso, indipendentemente dalla colpa o dal dolo del lavoratore nel commettere l’infrazione sanzionata dal datore di lavoro. Ragion per cui, anche i licenziamenti causati da comportamenti irregolari del lavoratore come, ad esempio, il furto di beni aziendali ovvero l’assenza ingiustificata per un periodo legittimante l’apertura di un procedimento disciplinare, può far attivare, su richiesta del lavoratore, l’erogazione dell’indennità di disoccupazione da parte dell’INPS.

Il diritto alla NASpI nasce anche in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo: ad esempio, nel caso in cui il datore di lavoro voglia procedere ad una riorganizzazione aziendale che comporta la soppressione di una posizione lavorativa; ovvero in caso di riduzione del personale per crisi aziendale.

Sono, altresì, equiparati al licenziamento, ai fini dell’attivazione dell’indennità di disoccupazione (NASpI), anche i recessi, da parte del datore di lavoro, dovuti:

– al superamento del periodo di comporto.

– alla volontà dell’azienda di concludere il rapporto di apprendistato al termine del periodo formativo.

Vi sono, poi, altre tipologie di recesso che, se pur non qualificate quali licenziamenti, possono portare il lavoratore ad acquisire il diritto alla NASpI.

Parliamo, ad esempio,

1) della risoluzione consensuale avvenuta al termine della procedura obbligatoria di conciliazione, prevista per i lavoratori a tutele reale, ai sensi dell’ art. 7, della Legge n. 604 del 1966;

2)la risoluzione consensuale derivata da un accordo dovuto ad un iniziale rifiuto del lavoratore al trasferimento ad altra sede distante più di 50 km dalla propria residenza, o mediamente raggiungibile in 80 minuti o